Proverbi di Natale  

 

"Se metti un ceppo nel tuo camino Natale è vicino"

 

Detto Lombardo (e per tutti gli italiani): “l’è minga Nadal sénza règall”

Mai così vero come in questo periodo di “crisi”: “a Natale senza soldi si sta male”.

 

Un tempo, per molti, il Natale era l’unico periodo dell’anno in cui si mangiava

“A Natale, grosso o piccino, su ogni tavola c’è un tacchino”

“Fino a Natale non c'è freddo ne fame; da Natale in là freddo e fame in quantità.

 

Secondo l’antica saggezza popolare, la vera importanza del Natale era collegata alle condizioni atmosferiche e alla luna

Il tempo dei Santi è quello di Natale”

“Verde Natale bianca Pasqua”

“Natale al balcone e Pasqua al tizzone”

“Natal sul poggiolino e Pasqua davanti al camino“

“A Natale il solicello, a Pasqua il focherello”

“Se Natale ha mosche, Pasqua ha ghiaccioli”

“Se luccicano le stelle la notte di Natale, semina ai monti e lascia star la valle”

“Quando Natale mette erba, se tu hai grano tu lo serba”

“Chiaro Natale, rari covoni”

“Natale sereno covoni di meno”

“Natale bagnato, botti vuote”

“Luna chiara a Natale riempie cantina”.

"Natal senza luna chi l'ha due vache, ne mangia una.


Sole o neve che sia , comunque, da quel dì il freddo andrà crescendo

Da  Nadal un fredo coral (che stringe il cuore), da la vecia (Epifania) un fredo che se crepa”-

e inizieranno ad allungarsi le giornate: “

A Natale il giorno cresce un passo di mosca, all’anno nuovo un passo di gallo, all’Epifania un salto di cervo”.