Angelo Canossi

Moderatori: juventina1978, Misscoty, birillino8

Angelo Canossi

Messaggioda ebre il gio dic 10, 2009 4:31 pm

Immagine


Angelo Canossi nacque a Brescia il 23 marzo del 1862. Dopo le scuole primarie passò al ginnasio in città e quindi al liceo di Desenzano. Si iscrisse quindi all'istituto superiore di letteratura a Firenze senza però conseguire la laurea. Frequentò a Parigi la celeberrima università della Sorbona (1882) e per circa due anni viaggiò per mezza Europa scrivendo alcuni brillanti servizi giornalistici.
Tornato a Brescia nel 1884 vi rimase fino al 1936, anno in cui si trasferì definitivamente a Bovegno, in alta Val Trompia, dove precedentemente era solito soggiornare nei periodi estivi. Qui trascorse gli ultimi anni della sua vita, ospite prima della Cà del mai, la casa del maglio, e successivamente della Cà de le bàchere (i ciclamini in bresciano) dichiarata monumento di interesse locale. Tornò a morire a Brescia, dove cessò di vivere il 9 ottobre del 1943. Ora riposa nel cimitero di Bovegno, paese al quale ha voluto legare la sua opera.
Dopo il suo ritorno a Brescia dalla Francia nel 1884, fu per alcuni mesi direttore del settimanale bresciano "La Sentinella". In seguito diede vita ad un periodico umoristico, "Guasco", un quindicinale che poi divenne quotidiano di informazione. Soltanto nel 1914 comparve in volume la prima raccolta delle sue poesie dialettali, una serie che si andò sempre più infittendo e che lo porterà a partecipare al 1° Congresso Dialettale tenutosi in Milano nel 1925. Per lui fu un successo totale, che però non ebbe un grande seguito, probabilmente a causa della modesta accessibilità al dialetto bresciano. Dall'Ateneo di Brescia ebbe l'incarico di allestire il vocabolario del dialetto bresciano, opera che però non riuscì a concludere
Immagine
Avatar utente
ebre
Amministratore


Messaggi: 602
Iscritto il: dom gen 30, 2005 2:35 am
Località: Brescia

Re: Angelo Canossi

Messaggioda ebre il gio dic 10, 2009 5:13 pm

ESPERIENZA E SPERANZA


L'esperienza la òfre a la speranza
déi bu conséi pesacc sö la balanza;

e la speranza la rispònd: " Sé sé!
gh'é gnènt dè contradì: 'l-è pròpeissé!"

ma 'n dèl sà cör la dis: "Vècia sdentada,
la mé vita la va per 'n'altra strada",

e, fat ön bel inchino a sté Comar,
la turna alégra a fà chèl chè ghè par.

Passa le ure e i dé, e i més e j-agn:
crès le disilüsiù e aumèmta i dagn,

e la sperannza uramai la pérd i dèncc:
dùdes ensòme, trédes falimèncc.

E sè la vèd le Speranzine a fà
castèi pèr aria, a ognöna la ghè dà

la sò bèla liziù, pèr èl sò mèi,
èn furma dè proèrbe e dè consèi,

e ognöna bassa 'l cò e la dis: " Sé sé!
gh'é gnènt dè contradì: 'l-è pròpeissé!",

ma 'n dèl sà cör la dis: "Vècia sdentada,
la mé vita la va per 'n'altra strada".

La vècia adès l'é pièna dè prüdenza;
adès sp pöl ciamàla a' lè Esperienza
Immagine
Avatar utente
ebre
Amministratore


Messaggi: 602
Iscritto il: dom gen 30, 2005 2:35 am
Località: Brescia


Torna a Poeti Dialettali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group