Salvatore Di Giacomo

Moderatori: juventina1978, Misscoty, birillino8

Salvatore Di Giacomo

Messaggioda carlo80 il mar dic 29, 2009 11:51 am

Immagine


Salvatore Di Giacomo nacque a Napoli il 12 marzo 1860. Appassionato fin dalla giovinezza allo scrivere venne indirizzato dalla famiglia agli studi scientifici e bravamente frequentò con profitto i primi tre anni della Facoltà di Medicina. Poi un giorno di ottobre del 1886 abbandonò l'aula durante una lezione ed iniziò a lavorare al Corriere del Mattino curando la parte letteraria. Dal Corriere passò al Pro Patria e da questo alla Gazzetta. Come giornalista si distinse soprattutto scrivendo liriche, novelle e drammi. La sua forma, musicale e pittorica insieme, è ammirevole per sobrietà e curatissima in ogni particolare, segnatamente nelle opere in dialetto napoletano; e, quando fine nell'arte, altrettanto aborrente dalla letteratura, dall'enfasi, dagli effetti, da tutto ciò, insomma, che è facile e comune. Passò gli ultimi anni come bibliotecario della Nazionale di Napoli. Vecchio e malato fu nominato Accademico d'Italia nel 1929. Morì a Napoli nella primavera del 1934. Alcune sue liriche furono musicate e divennere fomosissime canzoni quali: Quanno sponta la luna a Marechiare o La luna nova nmez'a lu mare.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Salvatore di Giacomo

Messaggioda carlo80 il mar dic 29, 2009 1:05 pm

Serenata napulitana


Dimme, dimme a chi pienze assettata
sola sola addereto a sti llastre?
'Nfacci' 'o muro 'e rimpetto stampata
veco n'ombra e chest'ombra si' tu!

Fresca è 'a notte: 'na luna d'argiento
saglie 'ncielo e cchiù ghianca addeventa:
e nu sciato, ogne tanto, d' 'o viento
mmiez' a st'aria se sente passà.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma pecché nun t'affacce?
Ma pecché, ma pecché me ne cacce,
Catarì, senza manco parlà?

Ma ce sta nu destino,
e io ce credo e ce spero.
Catarì! Nun è overo!
Tu cuntenta nun si'!

Catarì, Catarì, mm' e' lassato,
tutto 'nzieme st'ammore è fernuto:
tutto 'nzieme t' e' sciveto a n'ato,
mm' e' nchiantato e mm' e' ditto bonnì!

E a chist'ato ca mo' tu vuo' bene
staie penzanno e, scetata, ll'aspiette;
ma chist'ato stasera nun vene
e maie cchiù, t' 'o dico io, venarrà!

No! Nun vene, nen vene.
Ll'aggio visto p' 'a strata
cammenà core a core cu' n'ata
e, rerenno, parlaveno 'e te.

Tu si' stata traduta!
Tu si' stata lassata!
Tu si' stata 'nchiantata!
Pure tu! Pure tu!

T R A D U Z I O N E
Dimmi, dimmi a chi pensi seduta
sola sola dietro quest1 vetri?
Sul muro di fronte vedo disegnata
un'ombra e quest'ombra sei tu!

Fresca è la notte: una luna d'argento
sale in cielo e diventa più bianca:
e un alito, ogni tanto, di vento
per quest'aria si sente passare.

Ah, che notte, ah, che notte!
Ma perché non ti affacci?
Ma perché, ma perché mi scacci,
Caterina, senza neppure parlare?

Ma c'è un destino,
e io ci credo e ci spero.
Caterina! Non è vero!
Tu non sei contenta!

Caterina, Caterina, mi hai lasciato,
tutt'a un tratto quest'amore è finito:
tutt'a un tratto ti sei scelto un altro,
mi hai piantato e mi hai detto addio!

E a quest'altro, cui adesso vuoi bene,
stai pensando e, sveglia, lo aspetti:
ma quest'altro stasera non viene
e mai più, te lo dico io, verrà!

No! Non viene, non viene.
L'ho visto per strada
camminare cuore a cuore con un'altra
e, ridendo, parlavano di te.

Tu sei stata tradita!
Tu sei stata lasciata!
Tu sei stata piantata!
Anche tu! Anche tu!

P.S.CON LA SPERANZA CHE LA PROF NON SI LAMENTi
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Salvatore Di Giacomo - Marzo

Messaggioda carlo80 il mar dic 29, 2009 3:39 pm

Marzo

Marzo: nu poco chiove
e n' ato ppoco stracqua:
torna a chiovere, schiove,
ride 'o sole cu ll'acqua.
Mo nu cielo celeste
mo n'aria cupa e nera:
mo d' 'o vierno 'e tempeste
mo n'aria e primmavera.
N'auciello freddigliuso
aspetta ch'esce 'o sole
ncopp' 'o tturreno nfuso
suspireno 'e vviole...
Catarì!... Che buo' cchiù?
Ntienneme, core mio!
Marzo, tu 'o ssaie, si' tu,
e st'auciello songo io.
T R A D U Z I O N E
Marzo
Marzo: un po' piove e
dopo un po' cessa di piovere:
torna a piovere, spiove,
ride il sole con l'acqua.
Ora un cielo celeste,
ora un'aria cupa e nera:
ora le tempeste dell'inverno,
ora un'aria di primavera.
Un uccello freddoloso
attende che esca il sole:
sopra il terreno bagnato
sospirano le viole...
Caterina!...Che vuoi di più?
Cerca di capirmi, cuore mio!
Marzo, lo sai, sei tu,
e quest'uccello sono io.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Salvatore Di Giacomo-Dint'o ciardino

Messaggioda carlo80 il mar dic 29, 2009 4:07 pm

Dint'o ciardino

A vi' llà, vestuta rosa
e assettata a nu sedile,
lisciatanno st' addurosa
e liggiera aria d'abbrile,
cu nu libbro apierto nzine,
cu nu vraccio abbandunato,
sott''o piede 'e mandarino,
sola sola Emilia sta.
C'aggia fa'? M'accosto? (E quase
arrivato lle so' ncuollo...)
Core mio! Cu quanta vase
te vulesse salutà!
Nun me vede, nun me sente,
legge, legge, e nun se move:
e io ncantato 'a tengo mente
cammenanno ncopp' a ll'ove...
Ah!...s'avota!...) Emì... che liegge?
) Tu ccà stive?... E 'a dó si' asciuto?
) M'accustavo liegge liegge...
) Pe fa' che? ) Pe t'abbraccià!
) Statte!...) Siente...) (E 'o libbro nterra
cade apierto...) Essa se scanza,
se vo' sósere, mm'afferra,
rire e strilla: ) Uh! no! no! no!... )
Na lacerta s'è fermata
e ce guarda a tutte e dduie...
Se sarrà scandalizzata,
sbatte 'a coda e se ne fuie.


T R A D U Z I O N E

Dentro il giardino
La vedi là; vestita di rosa
e seduta su una panchina
respirando guesta odorosa
e leggera aria d'aprile,
con un libro aperto grembo,
con un braccio abbandonato,
sotto l'albero di mandarino,
sola Emilia sta.
Che devo fare? M'avvicino? (E quasi
le sono addsso...)
Cuore mio! Con quanti baci
ti vorrei salutare!
Non mi vede, non mi sente,
legge, legge e non si muove;
e io incantato la contemplo
camminando in punta di piedi...
Ah!..si volta!... Emilia, che leggi?
Tu stavi qui?...E da dove sei uscito?
Mi avvicinavo leggero leggero
Per far che?
Per abbracciarti!
Fermo!...
Senti...
E il libro cade a terra
aperto ..! Essa si schermisce,
vuole alzarsi, m'afferra,
ride e grida:
Uh! no! no! no!.
Una lucertola s'è fermata
e ci guarda a tutti e due..
Si sarà scandalizzata
sbatte la coda e scappa via.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Salvatore Di Giacomo-Zingara nera

Messaggioda carlo80 il mar dic 29, 2009 4:26 pm

Zingara nera

‘Na zincara truvaie, vestuta nera,
p”a strata sulitaria addò passavo:
scenneva quase già ll’ombra d”a sera,
e io cu ‘e penziere mieie mm’accumpagnavo.
Quanno mme s’accustaie proprio vicino
accumpareva ‘a luna chianu chiano…
- Oi nì, damme nu soldo e io t’anduvino… -
E io, senza di’ ca no, stennette ‘a mano…
Siente, - dicette - siente: ‘a vita è amara
ma cchiù amara e pe’ tte ca si’ sincero:
si ‘o nomme nun ‘o saccio ‘e chi t’è cara,
saccio ca ll’uocchie suoie so’ belle overo.
Ncielo mo saglie ‘a luna chianu chiano,
e damme n’ato soldo, e io t’anduvino…
Voglio leggere meglio ‘int’a ‘sta mano…
Sienteme buono...fatte cchiù vicino.
Vuo’ sapé ’a verità?...Pe’ quanto è amara,
t”a voglio di’! Tu triemme? Ah! Tu mme ntienne!
Tu vurrisse sapé si chi t’è cara…
- No!- dicette io. -No!...No!...Basta ...Vattenne…

T R A D U Z I O N E

Una zingara trovai,vestita di nero,
per la strada solitaria dove passavo
scendeva quasi l’ombra della sera,
e coi pensieri miei mi accompagnavo.
Quando mi si accostò proprio vicino
compariva la luna piano piano…
Senti, se mi dai un soldo io t’indovino…-
Ed io, senza dir no, stesi la mano…
Senti disse - senti: la vita è amara
ma più amara e per te che sei sincero:
se il nome non lo so di chi ti è cara,
so che i suoi occhi son belli davvero.
In cielo sale la luna piano piano,
e dammi un altro soldo, e t’indovino…
Voglio leggere meglio in questa mano…
Sentimi bene...fatti più vicino.
Vuoi sapere la verità?...Per quanto è amara,
te la voglio dire! Tu tremi? Ah! Mi capisci!
Tu vorresti sapere se chi ti è cara…
No!gli dissi.No!..No!..Basta..Va via…
vattene via...
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Salvatore Di Giacomo-Era de maggio

Messaggioda carlo80 il mar dic 29, 2009 4:53 pm

Era de maggio

Era de maggio e te cadeano nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse,
fresca era ll'aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.
Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,
na canzona cantàvemo a doie voce;
cchiù tiempo passa e cchiù me n'allicordo,
fresca era l'aria e la canzona doce.
E diceva: «Core, core!
core mio, luntano vaie;
tu me lasse e io conto ll'ore,
chi sa quanno turnarraie!»
Rispunneva io: «Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».
E sò turnato, e mo, comm' a na vota,
cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma l'ammore vero, no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, m'annammuraie,
si t'allicurde, nnanz' a la funtana:
ll'acqua llà dinto nun se secca maie,
e ferita d'ammore nun se sana.
Nun se sana: ca sanata
si fosse, gioia mia,
mmiezzo a st'aria mbarzamata
a guardarte io nù starria!

T R A D U Z I O N E
Era maggio e ti cadevano in grembo
a grappoli le ciliege rosse,
fresca era l'aria e tutto il giardino
odorava di rose a cento passi.
Era maggio; io, no, non me ne dimentico,
una canzone cantavamo a due voci;
più tempo passa e più me ne ricordo
fresca era l'aria e la canzone dolce.
E diceva: «Cuore, cuore!
cuore mio, lontano vai;
tu mi lasci e io conto le ore,
chi sa quando tornerai!
Rispondevo io: «Tornerò
quando tornano le rose,
se questo fiore torna a maggio,
anch'io a maggio sarò qua».
E son tornato, e ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico
passa il tempo e il mondo gira,
ma l'amore vero, no, non cambia vicolo.
Di te, bellezza mia, m'innamorai,
se ti ricordi, davanti alla fontana:
l'acqua là dentro non si secca mai,
e ferita d'amore non guarisce.
Non guarisce: che se fosse guarita
gioia mia, in mezzo a quest'aria imbalsamata
io non starei a guardarti!
E ti dico: «Cuore, cuore!
cuore mio, io sono tornato,
torna maggio e torna l'amore
fai di me quello che vuoi!»
E te dico: «Core, core!
core mio, turnato io sò,
torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che buò!».
- aggiungi al segnapost
Nessun commento
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Salvatore Di Giacomo

Messaggioda carlo80 il lun gen 11, 2010 12:29 pm

MARZO

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiovere, schiove,
ride ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’’o vierno ‘e tempesta,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N’ auciello freddigliuso
aspetta ch’esce ‘o sole,
ncopp’’o tturreno nfuso
suspireno ‘e vviole.

Catarì!…Che buo’ cchiù?
Ntiénneme, core mio!
Marzo, tu ‘o ssaie, si’ tu,
e st’ auciello songo io.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Salvatore Di Giacomo

Messaggioda carlo80 il lun gen 11, 2010 5:23 pm

Marzo:un poco piove
e un altro poco pioviggina
ritorna a piovere,e poi di colpo smette,
il sole ride specchiandosi nell'acqua.

Ora all'improvviso un cielo celeste,
all'improvviso nuvole grigie e nere,
sempre all'improvviso freddo e grandine,
ancora all'improvviso è primavera.

Un uccello infreddolito
aspetta che esca il sole,
sull'terreno bagnato
fioriscone le viole.

Caterina! cosa vuoi di più?
stiamo vicini,cuore mio!
Marzo,tu lo sai,sei TU,
e l'uccello sono IO.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm


Torna a Poeti Dialettali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group