Tina Piccolo

Moderatori: juventina1978, Misscoty, birillino8

Tina Piccolo

Messaggioda carlo80 il lun gen 04, 2010 7:00 pm

Tina Piccolo
E'nata a Pomigliano d'Arco (NA) ove vive. E' insegnante, sindacalista, formatrice IRRSAE, poetessa e fine dicitrice. Si interessano della sua attività importanti quotidiani,quali "Roma","Il Giornale di Napoli","Il Mattino","La Repubblica","Cronache dei Mezzogiorno","Il Tempo","Il Messaggero","Ottopagine", ecc. Vincitrice di oltre 700 premi in agoni letterari nazionali ed internazionali, ha rappresentato l'Italia al Congresso Mondiale di poesia in Messico nel 1993. Ha fondato, con orgoglio ed amore, il Premio Internazionale "Città di Pomigliano d'Arco" per la poesia, la narrativa, la grafica e la foto d'arte, che premia anche personaggi dello spettacolo, del giornalismo, della televisione e della scienza. Ha pubblicato i volumi: "Trasparenza" - "Dio creò... e nacque" - "Verso il duemila" " 'E vvie d' 'o core" ed ha curato "La più bella antologia dei nostro tempo" per fini didattici. E' inserita in prestigiose antologie (anche estere), in dizionari e almanacchi culturali ed ha prefatto le opere di moltissimi artisti. Collabora con numerose riviste come "il Meridiano", "Penna d'autore", "Cronache italiane", "Ribal-ta", "il Corriere di Roma", "La Strada", "Miscellanea", "il Ponte italo-americano", "Il Maestrale dei Sud","Tablò", "Bacherontius", "L'idea", ecc. Hanno parlato di lei illustri critici. Accademica d'onore dei "500", della Neapolis, dell'ASLA, di "Dafni" e dell'"Alfonso Grassi", è stata ospite di numerose trasmissioni radiofoniche e televisive. Sue liriche sono state declamate alla RAI. L'antica ditta V.Carcavallo ha pubblicato serie di cartoline con scene di Napoli e i versi di Tina Piccolo.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il lun gen 04, 2010 7:06 pm

MASCHERE
Ma tu l'hé vista mai na faccia annuda?
'A faccia 'e n'ommo ca nun s'appaura,
cu ll'uocchie ca sò specchio d' 'o penzíero
e 'a vocca na surgente 'e verità?
E mo' t'o spieco, bello, chiaro e tunno:
so' maschere ca girano p' 'o munno
e, allere o triste, senza falsítà,
songo 'o ritratto 'e chesta società.
Ma 'sta maschera cade
quanno se prega a Dio cu tutt' 'o core,
Quanno se fa l'ammore
cu sentimento e cu sincerità
e quanno 'a vita more... e se ne va.
Ultima modifica di carlo80 il gio gen 07, 2010 3:58 pm, modificato 2 volte in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il lun gen 04, 2010 7:19 pm

Traduzione
Ma tu hai mai visto una faccia nuda?
La faccia di un uomo che non ha paura,
con gli occhi che sono lo specchio del pensiero
e la bocca che è una sorgente di verità?
E adesso ti spiego;bello,chiaro e tondo:
sono maschere che girano per il mondo
e,allegre o triste,senza falsità,
sono il ritratto di questa società.
Ma la maschera cade
se prega Dio con tutto il cuore,
Quando si fà l'amore
con sentimento e sincerità.
Ultima modifica di carlo80 il gio gen 07, 2010 3:58 pm, modificato 1 volta in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il mar gen 05, 2010 11:59 am

SAN GENNA'
T'arricuorde 'e scugnezzielle
ca pazziaveno int' 'o vico
cu 'e furmelle e 'e rítrattíelle?
Mo se fumano 'o speniello
e se 'mpareno a scippà!
T'arricuorde a Piererotta
'e ccanzone appassionate,
chellí belli tammurriate
ncopp' 'e carre apparicchiate?
T'arricuorde, San Genna',
'a mappata, 'e serenate
sott' 'o cielo chino 'e stelle
'a chitarra che tremmava
quanno 'a bella s'affacciava?
Mo', te truove azzicco azzicco
cu na coppia 'e nnammurate
ca nun tene chíù sigrete
p' 'o spettacolo ca fà!
T'arricuorde 'a spaghettata
cu cumpare e cumparielle:
quatto vongole verace
e resate in quantità?
'A sfilata 'e carruzzelle
ca purtava 'o furastiere
a 'ncantarse p' 'a città?
Mo sti ffacce accussì appese
songo quatre sculurite
mise all'asta 'e civiltà,
ma 'o progresso è cosa bbona
quanno tene 'o core mmano.
L'allería, 'a fantasia,
Po calore d' 'a poesia,
sti rricchezze songo 'e Napule,
nun se ponno maie lassà.
San Genna' falla scetà
chella Napule sincera
'a nu suonno accussì amaro,
e fà scorrere 'int' 'e vvene,
'e sta gente scoraggiata,
chillu bene senza fine.
Chesta è grazia ca ci ha fà...
Ultima modifica di carlo80 il gio gen 07, 2010 3:59 pm, modificato 2 volte in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il mar gen 05, 2010 4:27 pm

Traduzione
Ti ricordi dei ragazzini
che giocavano per strada
con le figurine dei calciatori?
Adesso si fumano gli spinelli
e imparano a fare gli scippi !
Ti ricordi Piedigrotta
le canzoni appassionate,
quei bei balli
sui carri addobbati ?
Ti ricordi San Gennaro,
le canzoni,le serenate
sotto il cielo pieno di stelle
con la chitarra che tremava
quando la bella si affacciava al balcone?
Adesso li vedi vicino anzi vicinissimi
come una coppia di fidanzati
che non hanno più segreti
per quello che mostrano alla gente!
Ti ricordi le belle spaghettate
con padrini e cresimanti:
quattro vongole veraci
e risate in quantità?
la sfilate delle carrozzelle
che portavano i turisti
ad incantarsi per le bellezze della città?
Ora queste facce sono tristi,malinconiche
e sono scolorite,messe all'asta dal Progresso.
Ma il progresso è cosa buona
quando tiene il cuore in mano.
L'allegria,la fantasia
per il calore della poesia,
queste ricchezze sono di Napoli,
non possono mai lasciarci.
San Gennaro sveglia
quella Napoli sincera
da un sonno così amaro,
e fai scorrere nelle vene
di questa gente scoraggiata,
quel bene senza fine.
Questa è la grazia che ci devi fare...
Ultima modifica di carlo80 il mar gen 05, 2010 4:37 pm, modificato 1 volta in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il mar gen 05, 2010 4:31 pm

TU NUN SÌ VICCHIARIELLO
Nun so ghianch"e capille, ammore mio,
è solamente 'o ppucurillo 'e neve
ca vierno t'ha lassato pè rialo
ncopp' a sti cíerre belle e delicate.
Nun so' rappe ca tiene 'ncopp' 'a pelle,
songo 'e segne d' 'e vase a pizzechille,
sò ciance ca te fanno cchiù carnale.
E si 'a carezza nun è sciuliarella,
dura cchiù a luongo e simmo affurtunate.
Nun s' 'è allentato 'o passo p' 'a vicchiaia,
tu vaie cchiù lento pecché, è risaputo,
si addeventato ancora cchiù aggarbato,
e te faie chiano chiano 'a cammenata.
E si me tiene stesa a te vicina
e nun s'attizza 'o ffuoco dint' 'e vvene,
nun è l'età, ma è n'ata 'a spiecazione:
tenimmo cchiù rispetto e devozione,
e stu bene l'assapurammo buono,
murzillo pe' murzillo, chiano chiano.
Si 'a gente po' 'ncuntrannete p' 'a via,
te dice: « 'o no', ve site fatto viecchio! »
Nun è penzà, ca è sulo na buscia...
parlano pè mmiria e gelusia.
Ultima modifica di carlo80 il gio gen 07, 2010 3:59 pm, modificato 1 volta in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il mar gen 05, 2010 4:35 pm

Traduzione
Non sono bianchi i capelli,amore mio,
è solamente un pò di neve
che l'inverno ha lasciato sopra
a queste ciocche belle e delicate.
Non sono rughe che hai sulla pelle,
sono segni dei baci a pizzicotti,
sono carezze che ti fanno più carnale.
E' se la carezza non è scivolosa,
dura più a lungo se saremo fortunati.
Non s'è accorciato il passo per la vecchiaia
tu vai più lento è questo si sà,
sei diventato ancora più garbato,
e cammini piano piano.
E se mi tieni stesa qui vicina a te
e non si riaccende la passione nelle vene
non è l'età ma c'è un altra spiegazione
abbiamo più rispetto e devozione,
e questo amore lo assaporiamo al meglio,
piano piano a piccoli piccolissimi morsi.
Se poi incontri gente per la strada,
e ti dicono:nonno,sei diventato vecchio!.
Non pensarli,è solo una bugia...
parlano con invidia e gelosia.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm


Torna a Poeti Dialettali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group