Luciano Somma

Moderatori: juventina1978, Misscoty, birillino8

Luciano Somma

Messaggioda carlo80 il lun gen 04, 2010 7:24 pm

Luciano Somma
Nato il 18 marzo 1940 a Napoli dove vive e lavora svolgendo l'attività di rappresentante. Ha iniziato a scrivere versi, in italiano ed in napoletano, all'età di 13 anni. Già direttore responsabile di Tribuna artistica negli anni '60, ha collaborato e collabora con molte testate giornalistiche. E' inserito in centinaia di antologie, anche scolastiche, e ha ottenuto nel 1977 e nel 1994 la medaglia d'argento del Presidente della Repubblica. E' paroliere iscritto alla SIAE dal 1967 e ha al suo attivo oltre cinquecento canzoni edite o incise. Tra gli interpreti: Gloriana, Mario Abate, Tony Bruni, Mauro Levrini, Fenoli del Clan Casadei, Rino Piccione. Centinaia i premi ottenuti, dove figurano numerosissimi primi premi assoluti. Tra le sue affermazioni più recenti:
1° classificato al premio "Antonio Balsamo", Castel lammare di Stabia,1993;
1° classificato al "Poseidonia", Capaccio Scalo, 1994;
1° classificato al "Città di Avellino", 1994;
2° classificato al "Maresca", Pistoia, 1994;
2° classificato al "Paestum"; Mercato San Severino, 1994;
1° classificato al "Città di Cava de' Tirreni", 1995;
1° classificato alla "Taverna dei poeti", Modena, 1995;
3° classificato al "Trofeo colle armonioso", Firenze, 1995;
1° dei segnalati e menzione d'onore al "Città di Caserta", 1995.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il lun gen 04, 2010 7:26 pm

PRUGRESSO....

N'onna malata
va murenno
'mbraccia a' rena 'nzevata
e' margellina.
Nu sole 'nzisto
specchiannese a mare,
p''o scuorno
s'annasconne 'int''o griggio d''e nuvole.

All'ombra d''o Vesuvio
na vecchia varca,stanca,
se porta nu ricordo
'e piscatore.

Ricorde 'e "Paranze" felice,
'e rezze 'ndurate,
ca purtavano nterra
'a ricchezza d''o mare.

N'aliscafo passanno
fa smòvere 'a varca
e nu "jet" vulanno
ferisce 'o silenzio.

Dduie uocchie
se nfonneno 'e chianto
guardanno
ll'orizzonte 'e fummo
e nu mare 'e catramme...
Ultima modifica di carlo80 il gio gen 07, 2010 4:00 pm, modificato 2 volte in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il lun gen 04, 2010 10:19 pm

Traduzione
La nonna è malata
sta morendo
nelle braccia della sabbia sporca
di Mergellina.
Un sole insistente
si specchiava nel mare,
per la vergogna
si nascose dentro al grigio delle nuvole.
All'ombra del Vesuvio
una vecchia barca,stanca,
si porta un ricordo
di pescatori.
Ricordi le pescati felice,
le reti dorate,
che portavano a terra
la ricchezza del mare.
Gli aliscafi passano
facendo muovere la barca
e un jet (aereo) volando
rompe il silenzio.
Due occhi
si bagnano di lacrime
guardando
all'orizzonte il fumo
e il mare di catrame....
Ultima modifica di carlo80 il gio gen 07, 2010 4:42 pm, modificato 2 volte in totale.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Messaggioda carlo80 il mar gen 05, 2010 12:01 pm

E' GIA' SERA
'Int''o mare d''o munno ferito
quanta stelle cadute,
e l'onne 'mpazzute
se portano a rriva
l'arraggia d''o viento,
pe' copp''a scugliera
se cerca na luce
ca desse nu filo 'e speranza
ma s'e' fatto tarde e' gia' sera...
E' sera pe' ll'aria malata,
addo' pure 'o respiro
s'ammesca cu 'e nnote cchiu' amare
'e na musica antica
che porta 'o mutivo viulento
d''a sete 'e putere.
Nu scunciglio 'e gabbiano
attuorno
turtura na povera vela
ca tremma e se perde
cadenno pe' copp''a scugliera,
nisciuno cchiu' 'a salva
pecch'e' troppo tarde,e' gia' sera...
E' sera pe' chi va truvanno
nu pizzo stramano
supplicanno na vita serena
ma cchiu' nun trova na mano...
E' sera pe' chi 'e ll'onesta'
ha purtato 'a bannera
frasturnato 'a stu globbo ca gira
'o cuntrario d'ajere,
e more n'altare 'e speranza
mentre n'organo sona
'o trionfo d''o mmale,
cchiu' forte,ogne ghiuorno,cchiu' forte
marturianno 'a tastiera.
'int''o mare d''o munno ferito
s'e' fatto tarde,e' gia' sera...
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

Re: Luciano Somma

Messaggioda carlo80 il gio gen 07, 2010 4:41 pm

Traduzione
Dentro al mare del mondo ferito
quante stelle sono cadute,
e l'onda impazzita
le riporta a riva
soffia for te il vento,
sulle scogliere
si cerca una luce
per dare un filo di speranza
ma si è fatto tardi è già sera...
E' sera per l'aria malata,
dove pure il respiro
si mescola alle note più amare
è una musica antica
che porta il motivo violento
della sete di potere.
Un gruppo di gabbiani
intorno
tortura una povera vela
che trema e si perde
cadendo sulla scogliera,
nessuno più la può salvare
perche è troppo tardi,ed è sera...
E'sera per chi và cercando
un pò di tranquillità
supplicando una vita serena
ma non trova nessuno per un aiuto...
E'sera per chi dell'onestà
ha portato la bandiera
frastornato dal mondo che gira
al contrario da ieri,
e muore sull'altare della speranza
mentre un organo suona
il trionfo del male,
più forte,ogni giorno,più forte
martoriando la tastiera
dentro al mare del mondo ferito
si è fatto tardi,è già sera...
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm

AMMORE D’ESTATE

Messaggioda carlo80 il mar ago 31, 2010 11:53 am

AMMORE D’ESTATE


Austo , ‘nterr’’a rena
tutt’’e dduje
Guardammo comme ‘o sole se
ne va
E chianu chiano accumparisce
‘a luna
Ch’all’intrasatto ‘o bbene
fa sunnà …
Cu’’e mmane dint’’e mmane ,
vocca a vvocca ,
assapurammo sta
felicità
e correno sti core forte
‘mpietto
e nuje nun ce stancammo e ce
vasà .
‘O mare ci’accarezza e
‘ncielo ‘e stelle
pare ca se mettessero a
ballà
na voce canta e na chitarra
sona…
e intanto io mo accummencio
già a penzà:
ca tu dimane parte , te ne
vaje ,
luntano a me, dint’a n’ata
città
chisà si quacchevota
penzarraje…
ma ‘o tiempo tutt’’e ccose
fa scurdà .
Austo chesto fa :
scummoglie AMMORE
Ca po’ Settembre vene a
cummiglià;
‘e na passione doce ‘e
na stagione
forze manco ‘ o ricordo
restarrà .


TRADUZIONE

Agosto,a terra sulla sabbia
tutti e due
Guardiamo com'è il sole va
via
E piano piano fà capolino(esce)
la luna
Che all'improvviso il bene(l'amore)
fà sognare
Con la mia mano che stringe la tua
bocca a bocca(bacio)
assaporiamo la
felicità
battono forti i nostri cuori
nei nostri petti
e noi non ci stanchiamo mai
di baciarci
Il mare ci accarezza e
nel cielo le stelle
paiono che si mettono a
ballare
una voce cante e una chitarra
suona
e io intanto incomincio
già a pensare;
che tu domani,te ne
vai
lontana da me,in un altra
città
chissà se qualche volta
mi penserai
ma il tempo tutto le cose
fà scordare
Agosto questo fà;
scopre l'amore
che poi a settembre viene a
coprire.
E la dolce passione
di una stagione(estate)
forse nemmeno il ricordo
resterà.
carlo80
Amico del forum


Messaggi: 157
Iscritto il: ven lug 03, 2009 4:44 pm


Torna a Poeti Dialettali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group