Andrea Camilleri

Moderatori: juventina1978, Misscoty, birillino8

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:12 pm

Il diavolo. Tentatore. Innamorato

Immagine

Titolo: Il diavolo. Tentatore. Innamorato
Autore: Camilleri Andrea, Cazotte Jacques
Dettagli: 142 pagine, ril.
Anno: 2005
Editore: Donzelli

«Chiamatemi Bacab. Sono quel lucifugo che si venne a trovare nella mala vintura d'essere divintato, come dice il vostro poeta, "spiacente a Dio e alli nemici sui". Essendo che sono un diavolo, il fatto di spiaciri a Dio per mia è sempre stato un titolo di merito...». (A. Camilleri) «Ingrato, poggia la mano sul cuore che ti adora. Lascia scorrere nelle tue vene un po' di questa fiamma deliziosa di cui ardono le mie; addolcisci, se puoi, il tono della tua voce. Dimmi infine, se ti è possibile, con la stessa tenerezza che io provo per te: "Mio caro Belzebù, ti adoro..."». (J. Cazotte)
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:20 pm

Racconti quotidiani

Immagine

Titolo: Racconti quotidiani
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 96 pagine
Anno: 2001
Editore: Libreria dell'Orso
Collana: Storia e letteratura

I bambini che sono convinti dell'esistenza di polli a sei cosce, le stagioni che non esistono più, l'importanza delle code negli uffici pubblici, il Babbo Natale che va scomparendo nell'era di Internet: sono alcuni dei temi di questi ventun racconti quotidiani. La festa delle donne e quella dei morti, il "debito" con Simenon e alcuni segreti riguardanti il commissario Montalbano, la storia del catanonno contrabbandiere e la Sicilia con i suoi drammi e le sue speranze: Andrea Camilleri racconta e si racconta in queste pagine scritte fra il 1997 e il 1999 per i quotidiani "Il Messaggero", "la Repubblica" e "La Stampa".
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:23 pm

Biografia del figlio cambiato

Immagine

Titolo: Biografia del figlio cambiato
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 267 pagine
Anno: 2001
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Collana: La Scala

"Ho voluto raccontare la biografia di Pirandello da un angolo visuale molto personale, incentrato soprattutto sul rapporto tra lo scrittore e il padre Stefano. Il loro fu un rapporto molto drammatico. A un certo momento Pirandello definì il padre 'l'uomo di cui solo anagraficamente porto il nome'". (Andrea Camilleri)
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:31 pm

La mossa del cavallo

Immagine

Titolo: La mossa del cavallo
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 252 pagine
Anno: 2000
Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Collana: Superbur

"Questa vicenda prende lo spunto da una nota di Raimondo Franchetti per la sua inchiesta controgovernativa sulle condizioni socio-economiche della Sicilia nel 1876. L'elaborazione romanzesca accentua alcuni dati che rendono appunto la storia di allora storia dei nostri giorni. La trama del libro è largamente definibile gialla e dal sapore paradossale, considerata l'ambientazione in una società nella quale il gioco di prestigio di una realtà di continuo manipolata rende difficile l'accertamento delle verità individuali e collettive". (Andrea Camilleri)
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:37 pm

Il birraio di Preston

Immagine

Titolo: Il birraio di Preston
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 212 pagine
Anno: 1998
Editore: Sellerio di Giorgianni
Collana: Il castello

Si capisce, leggendo Camilleri, che il suo piacere letterario maggiore, raccontando vicende della provincia siciliana (fatti veri su cui trama e ordisce la finzione, e quindi in sé semplici se non fossero intricate dall'essere appunto siciliane), è quello di riportare il dialogo vivo. E' un piacere che si comunica immediatamente al lettore, per la particolare forza comica dell'arte di Camilleri; ma assieme al piacere, poiché il linguaggio è la casa dell'essere, e con la stessa forza e immediatezza, si comunica una specie di nucleo di verità dell'essere siciliano. L'iperbole e il paradosso della battuta, cui corrispondono l'amara coscienza dell'assurdo in cui siamo e il dolore sordo per l'immutabilità di questa condizione. Camilleri inventa poco delle vicende che trasforma sulla pagina in vorticosi caroselli di persone e fatti - qui il fatto vero, conosciuto dalla celebre "Inchiesta sulle condizioni della Sicilia" del 1875-76, è il susseguirsi di intrighi, delitti e tumulti seguiti alla incomprensibile determinazione del prefetto di Caltanissetta, il toscano Bortuzzi, di inaugurare il teatro di Caltanissetta con una sconosciuta opera lirica, "Il birraio di Preston". E anche in questo attenersi al fondo di verità storica c'è probabilmente un senso preciso: in Sicilia non serve attendere che la storia si ripeta per avere la farsa. La storia, per i siciliani, si presenta subito, al suo primo apparire, con la smorfia violenta e assurda della farsa.
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:47 pm

La bolla di Componenda

Immagine

Titolo: La bolla di Componenda
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 124 pagine
Anno: 1997
Editore: Sellerio di Giorgianni
Collana: La memoria

"Componenda" significa accordo, compromesso, transazione intesa a sanare un contenzioso tra parti. Fa pensare all'accordo tra due privati o, quando non privati, a pattuizioni di poteri occulti, torbidi, segreti. Tutto il contrario della posizione di uno stato di diritto che non compone, ma garantisce imparzialmente contro i torti. E invece, in Sicilia almeno, non si è dato nella storia potere che non si ritenesse parte di una componenda, di fronte ad altri poteri, a danno di chi, per modestia, per debolezza, per isolamento, non riusciva a garantirsi con nessun potere. E lo Stato italiano si aggiusterà a questa pratica tradizionale, nei confronti del brigantaggio, della mafia e dei tanti prepotenti.
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il lun giu 18, 2007 11:57 pm

Un filo di fumo

Immagine

Titolo: Un filo di fumo
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 148 pagine
Anno: 1997
Editore: Sellerio di Giorgianni
Collana: La memoria

Nel 1980 Livio Garzanti volle pubblicare questo mio romanzo risolvendo le perplessità di alcuni suoi eminenti collaboratori. Mi domandò però, quasi a guardarsi le spalle, un glossario. Comprendendo le sue taciute ragioni, principiai a compilarlo di malavoglia; poi, a poco a poco ci pigliai gusto e me la scialai. Il romanzo viene ora ristampato a distanza di diciassette anni e il glossario, nel frattempo, è diventato superfluo. Se ora lo ripubblichiamo è perché la cosa sottilmente ci diverte.
Lo spunto di "Un filo di fumo" me lo diede un volantino anonimo, trovato tra le carte di mio nonno, che metteva in guardia contro i maneggi di un commerciante di zolfi disonesto. Per il resto, nomi e situazioni sono da addebitare alla mia fantasia. Allora, quando uscì, il romanzo piacque a mia madre: lo dedico alla sua memoria.
(Andrea Camilleri)
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il mar giu 19, 2007 12:01 am

La stagione della caccia

Immagine

Titolo: La stagione della caccia
Autore: Camilleri Andrea
Dettagli: 154 pagine
Anno: 1994
Editore: Sellerio di Giorgianni
Collana: La memoria

In un libretto su una strage di stato a ridosso della rivoluzione siciliana del 1848, pubblicato qualche anno fa (monografia storica, ma scritta con la grazia e l'umorismo del narratore), Camilleri ripeteva un'idea a lui evidentemente molto cara. Che i siciliani sono "tragediatori", sono paghi cioè soltanto quando possono finalmente fondere insieme la vita e la scena, recitare, appunto sulla scena della vita, ciò che succede loro veramente tornando in illusione a comandare sulla sorte e mutandola in sogno. Di questo teatro della vita Camilleri mostra di amare soprattutto il lato di commedia; e commedia - racconto della commedia che un paese siciliano di fine Ottocento inscena vivendo una catena di morti e un amore cocciuto - è "La stagione della caccia". Ma non commedia dell'arte, farsa di macchiette; al contrario, genere alto, in cui ciascuna delle parti in gioco è un personaggio scolpito - con un brio che dà tenace divertimento - nell'atto in cui svolge il suo gioco delle parti. Camilleri spiega di aver tratto l'idea del romanzo (che avrebbe potuto essere piegato linearmente a intrigo giallo, e lo è invece a sorpresa, tortuosamente) da una battuta registrata nella famosa "Inchiesta sulle condizioni della Sicilia" del 1876. All'interrogante, che chiedeva se si fossero verificati fatti di sangue in un paesino, veniva risposto: "No. Fatta eccezione del farmacista che per amore ha ammazzato sette persone". Come a dire: non è successo nient'altro che un sogno. Il sogno che questo libro viene a raccontare.
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Messaggioda Soleanna1 il mer giu 20, 2007 1:57 pm

La luna di carta

Immagine

Titolo: La luna di carta
Autore: Camilleri Andrea
Editore: Sellerio di Giorgianni
Genere: narrativa italiana
Collana: La memoria
Pagine: 267
Data pubblicazione: 23 Jun 05

Torna il sangue nelle inchieste di Montalbano. Un delitto spietato in una casa di periferia di Vigata. Tutto sembra condurre alla pista passionale. Ma il commissario non si lascia ingannare... Come già nella Pazienza del ragno incontriamo un Montalbano più del solito pensieroso, quasi intimista. "Tra due donne forti e insidiose deve industriarsi il commissario Montalbano: una estroversa, e di franca sensualità; l'altra segreta, e di morbosi ardori, capace di tutto intraprendere e di tutto nascondere. Si sgambettano a vicenda, le due donne, su scivolosi precedenti: che sono esche e trappole per il commissario («Quann'era picciliddro, una volta so patre, per babbiarlo, gli aveva contato che la luna 'n cielu era fatta di carta. E lui, che aviva sempre fiducia in quello che il patre gli diciva, ci aviva criduto come un picciliddro a dù fìmmine…, che gli avivano contato che la luna era fatta di carta»). La verità non procura rimedio. Se non è vittoria è purtroppo vendetta. Rovinosa e tragica. Secca e asciutta, nell'orrore: «la tragedia, quann'è recitata davanti alle pirsone, assume pose e parla alto, ma quanno è profondamente vera parla a voce vascia e ha gesti umili. Già, l'umiltà della tragedia». Il commissario interloquisce con l'incipiente vecchiaia. Ricalibra le sue negligenze. Escogita ripari alla ruggine degli anni. Impara a convivere con l'ossessione della morte (un orologio biologico che batte l'ora grave) e dà udienza a passi ciechi che conducono al mistero di una casa «morta» (alla Faulkner): nella quale, attorno a un cadavere oscenamente atteggiato, si impaludano e covano le acque putride di passioni irritabili e scenografiche; insieme al fondiglio di un'oscenità politica, che lascia emergere cadaveri eccellenti e prospere viziosità. La trama è torbida, in questo romanzo che la palude stigia (facsimile della morte civile) fa solidarizzare con una politica governativa drogata di ordinaria anormalità." dal risvolto di copertina di Salvatore Nigro.
Soleanna1
Sognatore


Messaggi: 1295
Iscritto il: ven apr 08, 2005 3:32 pm

Precedente

Torna a Opere e autori

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group