ANNO 1976

La storia della nostra canzone

Moderatore: juventina1978

ANNO 1976

Messaggioda juventina1978 il mer mar 02, 2005 3:22 pm

Le prime tre classificate di quell'anno furono:

1) Non Lo Faccio Più (Peppino Di Capri)

Sincronizzi i movimenti,
ogni gesto è ben studiato;
ti tiri su i capelli
l' hai di certo programmato.
Chiudi piano piano gli occhi,
forse pensi sia più bello;
hai paura che ti tocchi,
è il tuo primo spogliarello.
E lo scialle della mamma
guarda un po' che fine fa,
forse lei te l' ha prestato,
forse invece non lo sa.
La camicia di velluto l
lentamente cade giù, poi mi dici:
"Non sta bene tu non puoi veder di più".
Copri il corpo con le mani,
cerchi un'ombra al tuo rossore;
sei convinta che mi ami
e non merito il tuo amore.
Ridi e corri per la stanza
ti nascondi ma ti vedo;
sembra il passo di una danza
quel tuo fremere discreto.
E lo scialle della mamma
guarda un po' che fine fa,
le carezze che ci diamo
mai nessuno le vedrà.
Una perla di sudore
dal tuo viso scende giù,
poi mi dici inutilmente:
"Giuro, non lo faccio più".

2) Come Stai, Con Chi Sei (Wess - Dori Ghezzi)

Ritrovarsi è strano dopo un grande amore
E dei due qualcuno deve fare l'attore
Ci son dei momenti in cui odio e amore
Sono due nemici senza un vincitore
Tu sei sempre uguale sai ti trovo bene
Stiamo un poco insieme
Come stai, cosa fai, con chi sei
Tu sei felice o no
Forse no, forse sì, non saprei
Forse mi manchi un po'
Quanti se, quanti no, quanti poi
Quanti momenti sì
Senza te, senza me, senza noi
Non era più così
Io non so scordare che mi hai detto tutto
Ma parlarne a freddo forse adesso è brutto
Ciò che è stato bello non si può cambiare
Devo andare è tardi, mi puoi accompagnare
Vorrei dirti che ti voglio ancora bene
Come stai, cosa fai, con chi sei
Tu sei felice o no
Forse no, forse sì, non saprei
Forse mi manchi un po'
Quanti se, quanti no, quanti poi
Quanti momenti sì
Senza te, senza me, senza noi
Non era più così
Come stai, cosa fai, con chi sei
Tu sei felice o no
Forse no, forse sì, non saprei
Forse mi manchi un po'.

3) Gli Occhi Di Tua Madre (Sandro Giacobbe)

Piove da qualche minuto
ti guardo e mi sento sfinito
mentre non riesco a spiegarti che cosa mi è capitato.
Era una sera normale
ti ero venuto a cercare
non c'eri però con tua madre mi misi a parlare
e quando l'ho avuta di fronte che scherzo
mi han fatto gli occhi miei
credevo che fossi tu ed era lei
poi mi sembrò naturale guardarla così come
guardo te
perché sei uscita, perché?
Mi hanno fatto innamorare
gli occhi verdi di tua madre
il sorriso di un tramonto
dove ci si può specchiare
i tuoi passi all'improvviso
e un tuffo al cuore immenso
...se ci penso...
la pioggia continua a cadere e tu continui
a non parlare
hai l'aria di un cigno che muore, la vittima
la sai fare
di certo non è quel sospiro che può cancellare quel che sei:
tu rimani tu, e lei è lei
non è colpa mia se mi piace
ogni cosa che rassomiglia a te
adesso hai capito perché...
Mi hanno fatto innamorare
gli occhi verdi di tue madre
il sorriso di un tramonto
dove ci si può specchiare
i tuoi passi all'improvviso
e un tuffo al cuore immenso...
Mi hanno fatto innamorare
gli occhi verdi di tue madre
un sorriso di un tramonto
dove ci si può specchiare
i tuoi passi all'improvviso
e un tuffo al cuore immenso
se ci penso...
se ci penso...
Avatar utente
juventina1978
Moderatore


Messaggi: 2049
Iscritto il: gio feb 03, 2005 3:02 pm

Torna a Sanremo è Sanremo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group