Le Rune

Moderatore: birillino8

Le Rune

Messaggioda birillino8 il sab gen 27, 2007 11:19 pm

[align=center]Storia[/align]

Di rune si sente tanto parlare ma di loro poco si conosce.

Si sa, ad esempio, che erano segni alfabetici usati dai popoli germanici prima che nell’area fosse introdotto il latino, affermatisi di pari passo con la progressiva opera di cristianizzazione.

Meno risaputo è che, ancor prima di essere alfabeto di civiltà antichissime ben delineate entro certi confini geografici dell' Europa, le rune erano essenzialmente segni grafici divinatori intrisi di conoscenze magiche e di valenze esoteriche, per quanto primitive.

Dal momento che i primi sei caratteri dell' alfabeto runico compongono foneticamente il termine futhark, è invalso l' uso di chiamare comunemente l' intero complesso runico con questo nome.
Oltre a un futhark più antico, diffuso in tutto il mondo germanico, del quale ci è giunto un ridotto numero di iscrizioni e che comprendeva 24 segni, ne esisteva uno meno arcaico, impiegato unicamente dalle popolazioni scandinave e costituito da 16 rune, del quale conosciamo, invece, migliaia di iscrizioni.

Proseguendo nell' excursus storico, sappiamo che l' alfabeto runico fece la sua prima comparsa nella storia tra le popolazioni germaniche dell' Europa centrale e tra quelle nordiche e scandinave, probabilmente intorno al II secolo d.C.

Le popolazioni norvegesi, e segnatamente i Vichinghi, introdussero le rune in Islanda e in Groenlandia, mentre è ai Germani che si deve la diffusione di tale alfabeto fino in Bulgaria, in Romania, in Russia e perfino tra i popoli mongoli e siberiani.

Ritroviamo, infatti, un alfabeto runico di 12 segni fra i popoli carpatici e di 27 fra quelli siberiani. Ma, al di là delle differenti consistenze numeriche, tutti questi alfabeti sono accomunati da un dato di natura esplicitamente ritualistica: il loro totale è sempre rappresentato da un numero che è multiplo del tre.

Probabilmente fra il V e il VII secolo, le rune furono diffuse nelle isole britanniche dalle invasioni degli Angli, degli Juti e dei Sassoni: in questi territori l’alfabeto runico giunse a comprendere 36 segni.

A quell' epoca, infatti, risalgono i più antichi documenti scritti, che ne attestano l' uso, anche se alcuni studiosi sostengono che le rune siano state impiegate già molto tempo prima.

Segni runici compaiono in iscrizioni su materiali di diversa origine: metallo, osso, ma soprattutto pietre. A proposito di queste ultime, le cosiddette pietre runiche, va detto che ne esistevano di diverse dimensioni e, in alcuni casi, erano impiegate a guisa di stele funeraria, allo scopo di proteggere le sepolture.
Pare comunque assodato che la maggior parte degli oggetti runici fosse, tuttavia, in legno, materiale che purtroppo non ci è giunto, data la sua alta deperibilità, fatti salvi alcuni reperti, come le prue delle navi o le soglie delle case, che di solito venivano anch’esse incise con motivi runici propiziatori.

I guerrieri utilizzavano spesso scudi di metallo sui quali erano incisi motivi runici, che avevano il fine di proteggerli in battaglia. Simboli runici sono stati trovati anche impressi su spade e gioielli, anch' essi allo scopo di difendere il loro proprietario, trasmettendogli forze magiche. Queste rune erano incise in genere con uno strumento appuntito consacrato appositamente a questo uso.

Nel corso del Medioevo, quando il Cristianesimo divenne l' elemento culturale dominante nella maggior parte dei territori continentali, l' alfabeto runico e le sue significazioni magiche, finirono con il cadere in disuso, poiché la dottrina cristiana reputò "demoniaco" quest' alfabeto e in combutta con il diavolo chiunque ne avesse fatto uso a scopi rituali.

Nel 1639, un editto vietava il loro uso in Islanda, ma la conoscenza delle rune continuò in gran segreto. Numerosi elementi del vecchio linguaggio norrese sono sopravvissuti nelle attuali lingue scandinave, nell' inglese, olandese e tedesco.

L' islandese è l' attuale linguaggio più vicino al vecchio norrese.

In inglese, l' uso di Ye per significare l’articolo The è una reminiscenza della runa Thorn, che si pronuncia TH ma che rassomiglia alla Y.

Ciò non toglie che, nonostante i rigori della Chiesa romana, molti popoli europei continuarono a usare i segni runici nel corso delle loro festività tradizionali connesse principalmente a valori agresti e riproduttivi del bestiame e degli uomini ed utilizzate per comunicare e in altri campi per trasmettere segreti esoterici.




[align=center]Immagine[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il sab gen 27, 2007 11:44 pm

La mitologia nordica attribuisce l' invenzione delle rune, al dio Odino, che ne avrebbe fatto dono agli uomini, mentre per la mitologia svedese, le rune vengono associate alle Norne: Urd, Verdandi, Skuld, le tre dee che reggono il destino del mondo, poiché indicano rispettivamente il passato, il presente e il futuro.
Ma al di là delle origini mitiche dei segni runici, decaduta ormai l' ipotesi di un loro diretto collegamento con l'alfabeto greco o con quello latino, è oggi accreditata quella che li fa derivare da un antico alfabeto impiegato dagli Etruschi, che abitavano le zone più settentrionali dell’Italia.

In ragione della sua origine vicina all' ideografia, ogni runa rappresenta sia un oggetto o un animale, sia un dato simbolo ricco di significati e valenze esoteriche. Ad esempio un bue selvaggio, raffigura la forza, ma una mandria di bovini rappresenta la ricchezza.
Ogni runa è anche associata a una divinità nordica pertanto le rune sinonimi di saggezza, di benessere, non possono essere separate dalla mitologia dei popoli nordici e germanici che avevano un ricco e complesso Pantheon di Dei e di Eroi.
Esse sono mistiche ma anche materialiste e gli scandinavi erano un popolo realista per cui il mondo magico e religioso era intimamente legato alla vita quotidiana. Se una data combinazione delle rune apporta fortuna e protezione, appare dunque logico che un guerriero ne resti coinvolto.

Al momento dell' espansione del cristianesimo nel Medio Evo, il potere degli dei nordici si affievolì. Le due religioni coesistettero e nel Nord dell’Europa, si trovano ancor oggi numerose pietre incise così come delle croci sulle quali l' immagine del Cristo rappresenta delle scene della mitologia nordica.

Gli dei e dee nordici più conosciuti sono: Odino, Thor, Tyr, Frey, Freya, Frigga, Baldur e LOKi.

Odino, noto anche come Wotan e Padre Supremo, è spesso raffigurato con un grande cappello abbassato sul suo occhio cieco..
Nella maggior parte dei casi è scortato da due corvi, suoi messaggeri (Hugin, il pensiero e Munin, la memoria).
Dio supremo fra gli Dei, Odino era noto per la sua grande intelligenza, ma soprattutto per il suo senso acuto della strategia.
Le leggende nordiche contengono la storia di Odino sospeso all' albero della saggezza Yggdrasill, per nove giorni e nove notti, dopo essersi ferito con la sua stessa lancia, per ottenere la conoscenza delle rune. Come per molti altri dei, in ognuno vi è un lato occulto.

Thor, dio del Tempo e in particolar modo del ritmo e della ciclicità, viene spesso raffigurato come stringente nel pugno e sollevante un martello, segno di forza e d' ardore.

Thyr o Tiw, dio antichissimo della Guerra, poi qualche sua prerogativa venne ripresa più tardi da Odino.

Frey, dio della fertilità e dell’estate.

Freya era la sorella di Frey, ed anche sua sposa. Dea della bellezza e della sessualità.

Frigga, la dea della fecondità, è spesso confusa con Freya, specialmente nella versione germanica dei miti nordici.

Frigga dona un figlio a Odino, Baldur, considerato il più bello di tutti gli dei, esperto conoscitore delle piante medicinali e delle rune. Delle rune erano anche incise sulla sua lingua.
Baldur fu ucciso in seguito al tradimento di LOKi, il dio della menzogna, dell' atteggiamento sprezzante e dell'ira
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il sab gen 27, 2007 11:49 pm

Ecco perché le rune dotate di un profondo significato religioso e spirituale in quanto connesse con il mondo dell' inesplorato, devono essere considerate soprattutto come principi sacri e inviolabili anche perché possiedono la violenza e la poesia della Natura primitiva, la sua intensità, le sue vibrazioni, la sua memoria.

Sono pertanto tutti questi significati che fanno delle rune un grande sistema oracolare e magico.

In una saga dell’XI secolo è riportata, poi, una vera e propria lista di utilizzazioni per così dire profane dei segni runici: si parla di rune della birra, per ottenere i favori di una donna, per il sesso, per vincere un processo, per ottenere la saggezza e così via, a dimostrazione del fatto che l’arte interpretativa delle rune toccava un po’ tutti gli aspetti della vita.

Sia come sia, le rune sono state quasi certamente da subito collegate ad ambiti magici e mistici, come sembra attestare anche l’etimologia stessa del termine che pare derivi dall’antico nordico raunen, ovvero "sussurro", "mistero" o dall' antico scandinavo runar, che significa "scritture segrete".

Rune d' amore, rune della birra, rune di gioia e di vigore, rune di miele e di promesse, rune di morte e di gioventù, rune di sogni e di ottimismo, rune di fortuna e di chiaroveggenza, rune di fiducia e d’amicizia, esse tessono gli incantesimi attorno a noi…e aspettano di tornare a vivere.

Ma come? Imparando a conoscerle ma soprattutto ad amarle.

E' detto che anticamente chi sapeva interpretare le rune, era tenuto in grande considerazione e le sue attente osservazioni non venivano mai discusse perché un VITKI, era così chiamato un Maestro o Maestra delle Rune, aveva ricevuto non solo un’iniziazione rigorosa e difficile ma anche accettato continui approfondimenti legati al Segreto e al Mistero.

Ancor oggi possiamo trovare, seppure con difficoltà questi interpreti delle Rune.

Come riconoscerli? Qui sta il difficile! Sono personaggi strani, valutativi, piuttosto esigenti, dalla forte personalità creatrice e feconda che incatena, seduce, fa paura o rassicura, ed è questa la loro grande ricchezza.

La VITKI ( o il VITKI) che forse potrete incontrare, discendente degli antichi sciamani della preistoria, ha seguito per la sua formazione un iter di ricerca e di sperimentazione piuttosto complesso.

Attraverso una particolare metamorfosi emotiva, in cui ha assorbito il potere dell’immaginazione esoterica, lega le leggi della natura alla saggezza magica e inoltre, e qui sta l' incredibile, ha la capacità di passare da un mondo all' altro, dal visibile all' invisibile dal reale all' irreale per mettersi in contatto con delle entità fantastiche che l' aiutano a darvi la protezione che attendete.

la VITKI ci insegna che, uno dei metodi di magia più conosciuti ancor oggi è l’utilizzazione talismanica delle rune che devono venire incise su diversi oggetti per caricarli di energia attivata attraverso l’uso di incantesimi e sortilegi.

Ecco perché un interprete delle Rune, dice questa straordinaria indovina, deve possedere un bastone, strumento principale del potere magico scelto in base ai suggerimenti delle divinità del proprio pantheon mitologico, in legno di Frassino, (in memoria dell’albero del Mondo al quale Odino rimase appeso per nove giorni e nove notti), o di nocciolo, o di tasso oppure di quercia, con inciso i segni di Rune magiche utilizzate per le umane sentenze.

Inoltre, possiede uno scrigno segreto che mostra solo agli eletti, dove vi sono rinchiuse gemme fantastiche, radici esoteriche introvabili, pietre e rune rese preziose perché vivificate dai colori dell’arcobaleno e dalla luminosità delle stelle, rune strane forgiate col fuoco sull’oro ed il bronzo, rune di protezione che attivano le trasformazioni e gli istanti d' ispirazione e rune con le quali parla agli Gnomi nel segreto degli antri scuri, agli Elfi che il soffio del vento rende percettibili, ai piccoli Esseri che stanno ad ascoltare il brusio delle voci umane seduti sulle nervature delle foglie o sulle biforcature dei rami di quegli Alberi che trattengono il significato della nostra vita e della nostra libertà.

Giunta ora al termine di questo rapido sguardo nel segreto mondo delle rune, mi piace sottolineare il loro mistero citando quanto si può leggere a questo proposito, nell' islandese Saga di Egill, risalente al X secolo:


[align=center]
[marq=up]Nessun uomo incida rune

se non è capace di interpretarle e di dominarle,

poiché sono state create da numi

e dipinte dal vate possente Odino.

Solo allora potrà usarle e inciderle sul suo destriero,

sulla sua spada, sul suo scudo

e sulle mani di colei che guarisce".[/marq]
[/align]
Ultima modifica di birillino8 il dom gen 28, 2007 2:16 pm, modificato 2 volte in totale.
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 12:05 am

[align=center]Interroghiamo le rune[/align]

[marq=up]
[align=center]Sono qui per apprendere al meglio

le verità rivelate dal silenzio e dal tumulto,

sono qui per unirmi al vento, alla tempesta,

alle ombre della notte, alle nuvole che oscurano la luna,

alle emozioni selvagge, ai desideri esasperati,

per accettare di morire per poi rinascere,

sono qui per captare il soffio impercettibile e sublime

del significato delle Rune rese incantate e magiche

dalle tre Dee che in loro concentrano i riflessi del nostro destino[/align]
[/marq]



Per interpretarle, apriamo il nostro cuore: e, proprio perché magiche, le rune ci permetteranno il nostro itinerario mistico nel cosmo.

Legami segreti uniscono magia e divinazione; dicono i Saggi, ma al tempo dei barbari la veggenza aveva un carattere selvaggio e spontaneo: tutto veniva interpretato e, quando le soluzioni erano difficili da trovare, lo sciamano, pioniere di una medicina psicosomatica, attraverso presenze misteriose entrava in stato di trance durante il quale la sua anima intraprendeva ascensioni celesti o discese infernali, in attesa di ricevere dagli dei, proprio perché uomo di potere magico, la risposta che aspettava.

Ed oggi? Anche noi, seppur spinti dalla curiosità, possiamo entrare nel mistero. Saranno in questo caso proprio le rune, formidabile insegnamento vecchio di secoli, a farci conoscere non solo il codice segreto della nostra personalità, ma anche la possibilità di stabilire con gli altri un dialogo sincero e costruttivo, facendoci accettare, seppur in modo misterioso, critiche e suggerimenti.
Le Rune, certo non sarà semplice interpretarle, ma perché non provare?


Come modo di procedere scegliete un ambiente tranquillo dove con calma possiate dedicarvi alla lettura delle rune e siate particolarmente disponibili ai loro messaggi arcani. Questo sarà il vostro luogo di potere!

Ritornando all' interpretazione divinatoria delle rune, va detto che esistono diversi modi di disporle, modi che avrete la possibilità di interpretare osservando gli schemi proposti, oppure creandone voi stessi di nuovi

Se desiderate una risposta rapida potete già avere un consiglio, un avvertimento o semplicemente un suggerimento, scegliendo una runa sola. Interessante è anche il metodo delle tre rune.

Secondo gli scritti eddici, il nostro destino è posto sotto il controllo delle tre Norne, le tre Dèe o Fate che tessono i fili della nostra vita:


[align=center]Urd, il passato, Ciò che fu

Verdandi il presente, Ciò che é

e Skuld, il futuro, Ciò che sarà[/align]


Per prima cosa dovete formulare la domanda con molta chiarezza.
Poi, da un sacchetto contenete tutte le rune, estraete o fate estrarre tre rune e ponetele una alla volta davanti a voi.

La prima Runa viene posta al centro:

sintetizza la domanda posta all' oracolo e la analizza nelle sue diverse sfumature.

La seconda Runa viene posta a destra della precedente:

indica la forza decisionale del consultante e gli suggerisce come deve agire.

La terza Runa è posta alla sinistra di quella centrale:

questa runa darà in senso globale la risposta, indicando gli eventuali ostacoli o difficoltà e suggerendo come reagire.





Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:23 pm

[align=center]Segue ora un' interpretazione in breve delle 24 RUNE[/align]


Ogni Runa è presentata con il suo nome antico, il glifo runico la lettera alfabetica corrispondente nonché quello del nume tutelare. Conoscerete il suo significato tradizionale e quello divinatorio con le definizioni base sintetizzate.
Inizierete così a familiarizzarvi con loro.

In un secondo tempo potremo aprire la via ad un' interpretazione più ricca di particolari legata non solo all' affascinante mondo della mitologia nordica, ma anche alle varie definizioni che ogni Runa può rivelarci analizzando le emozioni da loro indicate proprio nei nostri vari settori esistenziali

Amore, lavoro, denaro e salute, sono solo alcuni delle questioni che vi propongo, sta a voi entrare nella fase attiva dell' interpretazione tenendo in molta considerazione ogni pur piccola eco che questi segni simbolici sapranno evocare non solo nella vostra mente ma anche nel vostro cuore, non dimenticando che nella lettura la spiegazione del loro significato è dato per le rune osservate in posizione diritta. E' implicito che se si presentano in posizione capovolta il loro senso divinatorio assumerà il significato opposto a quello esposto.

Un po' di sale spirituale e di pepe magico sono inoltre gli ingredienti necessari per comprendere le rune che perciò potranno essere attuali anche in questa epoca, in cui spesso la realtà è più imprevedibile della fantasia.
Ma abbiate pazienza! Non bruciate le tappe, perché è solo ben apprendendo le spiegazioni di base che potrete diventare presto abili interpreti dei messaggi runici.

Che queste rune, metafisico e occulto intreccio di verità, pensieri ed intuizioni, possano essere veramente di aiuto a quanti sapranno leggerle!
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:36 pm

[align=center]Le Rune
Interpretazione
[/align]



[align=center]Immagine[/align]


[align=center]1) Nome antico: FEHU [/align]

[align=center]Immagine[/align]


[align=center]Chiave:IL GIUSTO NUTRIMENTO [/align]
Lettera alfabetica: F

Nume tutelare: Freyr signore dei Vannir e re sacerdote o Freya nel loro ruolo di fecondità e fertilità.

Significato tradizionale: il bestiame. Il denaro, l' oro e l' argento. E' anche la runa del silenzio iniziatico, dell' illuminazione interiore.

Significato divinatorio: Delinea le aspirazioni del consultante: affettive, professionali, materiali e indica la fase propiziatrice alla ricchezza, oro, denaro, beni procurata da uomini, bestiame, merci, scambi.

Preannuncia successo e prosperità in genere, miglioramento di una situazione affettiva o professionale. Può anche indicare le pulsioni energetiche e secondo le rune vicine matrimonio o nascita .




[align=center]DRITTA
Possedimenti vinti o guadagnati.
Fortuna.
Abbondanza.
Appagamento.
Successo


ROVESCIATA
Perdita di proprietà o
di quello che si vorrebbe ottenere.
Fallimento.
Discordia.
Codardia.
Apatia[/align]
Ultima modifica di birillino8 il dom gen 28, 2007 2:55 pm, modificato 1 volta in totale.
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:40 pm

[align=center]2) Nome antico: URUZ


Immagine


Chiave:RESISTENZA [/align]



Lettera alfabetica: U

Nume tutelare: Ymir gigante dagli istinti primordiali scatenati.

Significato tradizionale: Uro selvaggio dalle doti primitive di eccitabilità, selvatichezza e spirito combattivo

E' il toro cosmico la cui morte dona la nascita del mondo.

Significato divinatorio sintetizzato: E’ sinonimo di potenza sessuale, di energia istintiva. Esprime la forza e l' azione, la lotta, lo slancio verso un obiettivo. Tra i diversi significati evidenziati notiamo un forte spirito decisionale, combattivo. Indica l' elaborazione di un progetto, di buoni accordi commerciali o tecnologici, di aiuto da parte di un personaggio importante.



[align=center]DRITTA
Forza fisica.
Un periodo di grande energia e salute.
Azione.
Coraggio.
Potenza maschile


ROVESCIATA
Debolezza.
Sottomissione.
Ignoranza.
Ossessione.
Forze mal dirette[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:45 pm

[align=center]3)Nome antico: THORISAZ


Immagine

Chiave:FORZA CECA [/align]


Lettera alfabetica: T - th

Nume tutelare:Thorn iIl gigante del freddo, dio della guerra e divinità intermedia del Pantheon nordico.

Significato tradizionale: Viene indicato l' equilibrio delle forze primarie e le battaglie per realizzarle. Da un lato vi è l' aspra espressività del primo atto creatore e dall' altro il momento quasi magico dell' Inizio.

Significato divinatorio sintetizzato: Si entra nel significato di lotta, di prove materiali e spirituali, di difficoltà, di rigidità morale ed anche in qualche manifestazione di cattiveria. Pensieri velenosi si esternano con parole che come spine taglienti nascono e si trasformano da Eros tenebroso in potere fertilizzante. E' giunto il momento di sottoporsi ad un test di resistenza psico-fisico, sarete in grado di opporvi ad ogni provocazione, ad ogni modo siate prudenti.


[align=center]
DRITTA
Forze di reazione, distruttive e difensive.
Conflitto.
Volontà istintuale.
Catarsi.
Purificazione.
Tendenza al cambiamento.
Sessualità maschile, inseminazione


ROVESCIATA
Pericolo.
Mancanza di difese. Tradimento.
Tormento.
Bugie[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:50 pm

[align=center]4) Nome antico: ANSUZ


Immagine

Chiave:PRESAGI [/align]


Lettera alfabetica: A

Nume tutelare: Odino o Wotan.-Il Padre, la guida. Dio della parola, della magia, degli sciamani, della morte.

Significato tradizionale : Runa delle energie sacre e del risveglio spirituale, percepita come lo intelletto, la conoscenza. Detiene il potere magico della parola, della poesia del canto e della musica

Significato divinatorio sintetizzato: E' la forza divina in azione, è il verbo che si manifesta con sensibilità mediante incantesimi, invocazioni sacre ed eloquenza oratoria. Con questa runa abbiamo un' indicazione di trasmissione di sapere, infatti esprime la capacità di offrire un valido insegnamento di principi e valori rivelatori di una saggia consapevolezza interiore.

[align=center]
DRITTA
Benedizione divina.
Armonia.
Buoni consigli.
Un messaggio o una rivelazione.
Preghiere esaudite


ROVESCIATA
Fraintendimenti.
Delusioni.
Manipolazione da parte di altri.
Vanità.
Supponenza.[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:54 pm

[align=center]5) Nome antico: RAIDO


Immagine


Chiave:LA GIUSTA AZIONE [/align]


Lettera alfabetica: R

Nume tutelare: Valkirie, divinità femminili guerriere.

Significato tradizionale : La cavalcata. E' la Runa dei cacciatori selvaggi, di coloro che galoppano al di là della morte per fecondare la terra ed i viventi.

Significato divinatorio sintetizzato: questa Runa è simbolicamente legata alla ruota rappresentazione del mondo e del sole.

Indica spostamenti o viaggi ma anche tutte quelle forze che animano il significato di movimento, come un' azione coraggiosa, un atto amoroso, un' unione attiva, una relazione erotica ed anche quelle novità che molti di voi tendono ad affrontare a volte con spavalderia.


[align=center]DRITTA
Viaggio fisico o "cavalcata" simbolica.
Dominare, avere il controllo delle situazioni.
Ampliamento delle prospettive.
Vedere la giusta direzione e prendere le iniziative.
Nuova vita.
Rinnovamento di idee.


ROVESCIATA
Crisi.
Rigidità, stasi.
Ingiustizia.
Demotivazione.
Perdita di controllo.
Morte[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 2:59 pm

[align=center]6) Nome antico:KENAZ


Immagine


Chiave:INGEGNOSITA' [/align]

Lettera alfabetica: K

Nume tutelare: Surtr, gigante del Paese del fuoco

Significato tradizionale : Questa Runa è legata a Surtr, il nero alato, capo dei giganti del Fuoco che con la sua spada fiammeggiante vieta l' accesso dei mondi intermedi agli uomini non iniziati.

Significato divinatorio: Odio ed amore, passione e desiderio, verità ed inganno, luce ed ombra sono sentimenti contrastanti che la vita spesso ci presenta e che proprio esaminando il significato di questa Runa, vengono evidenziati. Non dobbiamo comunque dimenticare che chi doma il fuoco diventa maestro dell' energia, mentre l' entusiasmo creativo può portare se non ben canalizzato ad un eccesso di eccitazione e di conseguenza a errori e intemperanze.


[align=center]DRITTA
Visione, rivelazione.
Conoscenza.
Ispirazione.
Fuoco di trasformazione.
Potere di creare la propria realtà.
Passione


ROVESCIATA
Malattia.
Instabilità.
Mancanza di creatività.
Demotivazione.
Ma anche perdita di illusioni e false speranze. [/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 3:02 pm

[align=center]7) Nome antico: GHEBO


Immagine


Chiave:IL RITO DEL GIURAMENTO [/align]


Lettera alfabetica: G

Nume tutelare: Freyr, capo della famiglia nel ruolo di generosità, di pace.

Significato tradizionale : la generosità, il dono, l' atto votivo propiziatorio o di consacrazione.

Significato divinatorio: simbolicamente è associata ai doni da fare e da ricevere, al dono di sé visto come unione con un altro in uno scambio di energie, per creare. E' anche la runa che si deve visualizzare quando in un bosco si sceglie e si abbraccia un albero, per comunicare con lui, per ricevere la forza dalle sue radici, lo slancio dai suoi rami, il vigore dalla sua linfa ed essere come lui legati alla terra e al cielo.



[align=center]SEMPRE DRITTA
Bilanciamento di sacrificio e generosità.
Unione.
Relazioni favorevoli.
Interscambio.
Preghiere esaudite


Significato negativo
Fraintendimenti.
Delusioni.
Solitudine.
Avarizia.
Obbligazione o sacrificio eccessivo[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 3:06 pm

[align=center]8 Nome antico: WUNJO


Immagine


Chiave:UNIONE ARMONIOSA [/align]


Lettera alfabetica: W

Nume tutelare: La coppia Frey/Freya,

Significato tradizionale : E' la runa della gioia, della vittoria interiore.

Significato divinatorio: Indica in special modo felicità, benessere, gioia e buon umore. Sono favoriti anche i legami e i sentimenti di fraternità. Ma dobbiamo osservarla anche nel suo significato fascinoso-passionale che può portare alcuni di voi a qualche intemperanza che comunque non dura molto.



[align=center]DRITTA
Gioia, prosperità.
Piacere.
Armonia e amicizia.
Estasi.
Si potrebbe eccedere, ma se ci si contiene, successo e riconoscimento del proprio valore.



ROVESCIATA
Tristezza.
Alienazione.
Conflitto, litigio.
Intossicazione.
Entusiasmi impraticabili.
Subire volontà esterne[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 3:10 pm

[align=center]9) Nome antico:HAGALAZ


Immagine


Chiave:DISTRUZIONE [/align]


Lettera alfabetica: H

Nume tutelare: Hagal dio di gelo

E' il seme del gigante Ymir nato dall' unione violenta del ghiaccio e del Fuoco e padre degli dei primordiali

Significato tradizionale : Archetipo del seme, del gelo, del ghiaccio e soprattutto della grandine.

Significato divinatorio: Difficile da interpretare. E' la runa del disgelo dall' espressione enigmatica e misteriosa. Ribellione, selezione, prove, ostacoli, conflitti interiori, violenza cieca, martirio, sofferenza, ma anche possibile opera di volontariato verso i disabili, gli emarginati. In campo artistico è indicativa di creatività, stimola infatti chi ha queste doti e in particolar modo coloro che agiscono sulla materia.



[align=center]SEMPRE DRITTA
Forze distruttive incontrollate della natura e dell'inconscio.
Prove, sfide.
Crisi controllate che portano al completamento e all'armonia.


Significato negativo
Disastri naturali, catastrofi.
Stagnazione.
Perdita di potere.
Dolore.
Avversità, privazioni.
Malattia[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Messaggioda birillino8 il dom gen 28, 2007 3:12 pm

[align=center]10) Nome antico: NAUDIZ


Immagine


Chiave:FORGIA DEL CARATTERE [/align]


Lettera alfabetica: N

Nume tutelare: Heimdallr nel suo aspetto di generato e di generatore

Significato tradizionale: E' il punto in cui viene definito il limite tra il materiale e lo spirituale.

Significato divinatorio: Necessariamente devono essere precisati con freddezza tutti quei contatti che rendono la vostra vita di relazione soggetta a malcontenti e discussioni. In voi è forte la necessità di recuperare il tempo perduto, per cui ogni mezzo di comunicazione può servire a chiarificare alcune situazioni che sono diventate molto stressanti.



[align=center]SEMPRE DRITTA
Ritardo, difficoltà.
Confusione,conflitto.
Determinazione e rafforzamento della volontà per superare le avversità.
Tempo di pazienza.
Affrontare le proprie paure.


Significato negativo
Perdita di libertà.
Privazione, povertà.
Stress, affaticamento.
Squilibri emotivi.
Apatia.
Dipendenze[/align]
Immagine
Avatar utente
birillino8
Moderatore


Messaggi: 3506
Iscritto il: dom feb 20, 2005 10:14 pm
Località: Genova

Prossimo

Torna a L'oracolo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group